Il cambiamento climatico, la sfida della sostenibilità

Il mondo sta andando verso un riscaldamento globale di 3,2 gradi, il cambiamento climatico ci accompagnerà per i prossimi 20 anni: la sfida della sostenibilità comincia ora. Donato Speroni, segretario generale di Asvis, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, Roberta Marracino, responsabile delle strategie di sostenibilità e Impact Banking di UniCredit, Daniela Bernacchi, segretario generale di Global Compact Network, Federico Fraboni, responsabile sostenibilità di Calzedonia Group e Carlo Alberto Pratesi, professore ordinario di Marketing, Innovazione e Sostenibilità, Università Roma Tre si confrontano su questa sfida.

 

Per maggiori informazioni fare riferimento al seguente link

 

Programma 2021

Ecco online il programma dell’Associazione per la RSI 2021, quest’anno in programma ci sono tantissime attività.

Webinar che spazieranno dall’Economia Civile, alla Demenza Digitale e nuovi strumenti per lo Sviluppo Sostenibile.

Una gita aziendale (Covid permettendo), una giornata a Ferrara, con una visita al potabilizzatore che trasforma l’acqua del Po’ in acqua naturale da bere.

Infine abbiamo ipotizzato due cene (Covid permettendo):

  • luglio 2021 – cena solidale
  • dicembre 2021 – cena di chiusura.

Per maggiori informazioni sul programma fate riferimento al seguente link

 

 

Recovery Plan: risorse insufficienti per la green economy

I fondi ad oggi previsti nella nuova architettura del Recovery Plan per l’economia circolare e la valorizzazione del ciclo dei rifiuti sono insufficienti a garantire la transizione del nostro Paese verso un modello di economia circolare e a colmare il gap impiantistico che ogni giorno ci costringe a esportare rifiuti, perdendo materia prima, energia e risorse economiche. L’attuale bozza di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza rischia di essere una clamorosa occasione persa, non individuando strumenti economici per rafforzare il mercato del riciclo e del riutilizzo. Servono misure di incentivazione, anche tramite credito d’imposta, all’utilizzo di prodotti “circolari”.

Sono queste la denuncia e le proposte rivolte al Governo delle Associazioni FISE Assoambiente e FISE Unicircular che rappresentano il mondo delle imprese che raccolgono, gestiscono, riciclano e smaltiscono i rifiuti urbani e industriali del nostro Paese.

 

Per maggiori informazioni sull’articolo fare riferimento  al seguente link